L’INCOGNITA recensito su “Domenica -Il Sole 24 Ore”

RAZIOCINIO E EMOZIONE MESSI IN PRECARIO EQUILIBRIO

di Marta Morazzoni

«Uno dei lavori più felici di Broch […] Il gioco di rimandi tra lucidità scientifica e inafferrabilità della natura umana è la linea direttrice su cui si muove il protagonista, neolaureato in fisica che nella scienza cerca la spiegazione dell’esistenza e si imbatte invece nella complessità dell anima: un terreno difficile su cui Broch lima i contorni di una storia la cui profondità, direbbe Hofmannsthal, si annida nella superficie.»

Recensione da leggere cliccando qui

Domenica, 1° maggio 2022

 

Condividi