Rassegna Stampa

24/09/2018

“Sei malattie dello spirito contemporaneo” recensito sul blog FILOSOFIA e LETTERATURA

"Sei malattie dello spirito contemporaneo" recensito sul blog FILOSOFIA e LETTERATURA. Lo studioso Antonio Di Gennaro saluta con entusiasmo la nuova edizione curata da Carbonio (traduzione di Mira Mocan) del libro da tempo fuori catalogo di Constantin Noica. Questo ricco contributo critico ci introduce alla figura del pensatore, "il maggior filosofo sistematico romeno del Ventesimo secolo", alla sua amicizia con Ionesco, Eliade, Tutea ma soprattutto con Emil Cioran, alla Romania degli anni '30 e del II dopoguerra, analizzando quindi nel dettaglio le 6 malattie teorizzate da Noica.
01/10/2018

PERFECT RIGOR di Masha Gessen recensito su Lankenauta

PERFECT RIGOR di Masha Gessen recensito su Lankenauta. Dal libro di Gessen si evince che Grigorij Perel'man fosse «comunque destinato sia a svelare il suo assoluto genio matematico, sia poi ad isolarsi dal mondo: tutto quello che lo ha fatto diventare una sorta di leggenda vivente, suo malgrado».
01/10/2018

Il pensiero antinatalista al centro di un reportage del settimanale “D” – la REPUBBLICA delle DONNE (n. di sabato 29/09/2018)

Il pensiero antinatalista al centro di un reportage del settimanale "D" - la REPUBBLICA delle DONNE (numero di sabato 29 settembre 2018). Mara Accettura indaga le ragioni degli antinatalisti, fautori di un'estinzione dell'umanità, che non può che essere benefica. Accanto a quelle all'insegna di un'etica ambientalista portata all'estremo, spiccano le argomentazioni di DAVID BENATAR, colui che ha fatto dell'antinatalismo un sistema filosofico. Il 29 novembre Carbonio pubblicherà per la prima volta in italiano il suo libro-manifesto MEGLIO NON ESSERE MAI NATI. Il dolore di venire al mondo, che tanto scalpore ha suscitato e continua ha suscitare sin dalla su aprima uscita nel 2006.
01/10/2018

RADICAL e I FRATELLI TSARNAEV recensiti su L’Espresso

Radical e I fratelli Tsarnaev recensiti su L'Espresso (numero del 29 settembre 2018). Il terrorismo è tema che accomuna diverse recenti pubblicazioni in Italia. Tra i titoli dell'indagine di Giuliano Battiston risaltano il viaggio dal fondamentalismo islamico alla democrazia dell'anglopakistano Maajid Nawaz e la moderna tragedia americana degli jihadisti ceceni Tamerlan e Jahar Tsarnaev, gli attentatori della maratona di Boston del 15 aprile 2003, la cui storia è raccontata da Masha Gessen.