Rassegna Stampa

28/01/2019

L’ARRIVO DELLE MISSIVE recensito su BooksSpecial

Così Marco Denti: «In L’arrivo delle missive Aliya Whiteley riesce a mantenere in equilibrio un originale patchwork che raduna le radici celtiche, gli effetti tragici della guerra, la riluttanza alle convenzioni e la dimensione soprannaturale con la rivelazione di Shirley [la protagonista, ndr], quando arriva alla conclusione che 'l’amore è uno sporco lavoro, fatto di mancanze, di difficoltà, di compromessi, ma in cui ci si fa forza a vicenda perché il mondo è crudele, e sono poche le persone disposte a comportarsi correttamente con te senza pensare alle proprie esigenze personali'. È ancora così, dalla notte dei tempi, e non serve un druido per capirlo. Basta una ragazza che lancia un sasso nello stagno.»
29/01/2019

L’ARRIVO DELLE MISSIVE recensito su Lankenauta

Così Francesco Ricapito: «vengono in mente i grandi classici della letteratura britannica, uno su tutti Cime Tempestose e forse è anche grazie a questo rimando che la svolta risulta così inaspettata. Un esperimento ardito, che avrebbe potuto rivelarsi disastroso ma che invece qui viene gestito magistralmente.»
29/01/2019

LA GABBIA DI VETRO su Thriller Café

Così Fausto Tanzarella: «Può un tranquillo e solitario studioso di letteratura ritrovarsi nel giro di ventiquattro ore a investigare sulle tracce di un sanguinario serial killer? Sì, può accadere se quel serial killer è solito commentare i propri omicidi scrivendo sul muro, accanto ai cadaveri, versi del grande poeta William Blake e se quello studioso, il trentacinquenne Damon Reade, è il maggior esperto vivente di quel poeta. Può accadere soprattutto se a farci vivere questa storia è Colin Wilson (1931-2013), scrittore inglese tra i più immaginifici ed eclettici del ‘900, nel suo romanzo La gabbia di vetro, pubblicato nel 1966 ed ora riproposto in Italia da Carbonio editore».
29/01/2019

LA GABBIA DI VETRO su LA LETTURA del “Corriere della Sera”

Roberto Iasoni consiglia il romanzo di Colin Wilson nella rubrica "Mani in alto".