Rassegna Stampa

30/04/2019

IL TEST DEL MARSHMALLOW di Walter Mischel su “Il Piccolo” di Trieste

Così Elisabetta de Dominis: “Abbiamo sempre reputato l’autocontrollo una dote innata. Invece no, anche il più goloso della terra lo può acquisire. E chi lo poteva scoprire se non uno psicologo americano ma nato in Austria, dove ai tempi dell’impero l’autocontrollo veniva inculcato dall’etichetta asburgica? […] Sua invenzione Il test del marshmallow, che non è un manuale ma un saggio su come funziona il nostro cervello davanti a una tentazione e su come stopparla”.
30/04/2019

DANILOV IL VIOLISTA recensito su “Books Special”

Così Marco Denti: “Convinto che ‘il mondo è una qualsiasi diavoleria, ma non è armonia’, Danilov è una contraddizione vagante e attorno a lui Vladimir Orlov crea una galassia irriverente e psichedelica, inafferrabile come la musica, ipnotica come una favola tradizionale”.
30/04/2019

“I POTERI DELLE TENEBRE” di Stoker e Ásmundsson in anteprima sul quotidiano “Libero”

Così lo scrittore Giordano Tedoldi: «Il Dracula dei Poteri delle tenebre più che alla giugulare mira, nientemeno, a una “cospirazione per rovesciare le democrazie occidentali”! Nemmeno le versioni più infedeli e fantasiose, nel cinema, del celebre vampiro, avevano mai pensato di farlo diventare una specie di Bakunin! Ce n’è dunque a sufficienza perché gli ammiratori del Conte si immergano nella lettura di questi Poteri delle tenebre, e per stuzzicarli ulteriormente diremo che fa anche una comparsata Jack lo Squartatore».
30/04/2019

FIGLIO UNICO di Mei FONG sul blog “… il piacere della lettura”

Così Silvia Grassi: "Figlio Unico non è un insieme di dati e informazioni, ma di vite che si incrociano e amalgamano tra agghiaccianti verità e dolori indicibili. E, ironia della sorte, mentre Mei Fong incontra e intervista famiglie che sono state vittime dello Stato, parallelamente c'è la sua di storia, quella di una donna che vorrebbe diventare madre ma la natura sembra impedirglielo. La Cina è una terra ostile per Mei Fong e per quanto forte sia il suo richiamo, c'è qualcosa che le impedisce di mettere radici. Devo dire che a livello umano e psicologico è stato un viaggio duro. Ma è stato un viaggio fatto di voci che nessuno voleva ascoltare e, nel mio piccolo, desideravo affrontarlo. [...]  Tra queste pagine  c'è l'orrore vero. Quello dell'uomo perpetrato a un altro uomo. E ci sono le parole bellissime e toccanti di una giornalista che racconta uno spaccato di Storia come se fosse una favola terribile, ma necessaria, da tramandare ai bambini affinché sappiano e non dimentichino. Nel 2013 la politica del figlio unico viene abolita, lo Stato esce finalmente dalle camere da letto dei suoi abitanti, non si insinua più nell'utero delle donne, ma forse è troppo tardi. Forse guardare avanti non è possibile quando alle spalle ci sono cicatrici così profonde e forse solo il tempo aiuterà un Paese tanto grande ma con orizzonti tanto limitati".